Parco nazionale del Cilento - CAMPANIA - Consigli Di Viaggio in Agriturismo - Agriturismo in Italia Turismo Sostenibile e Consigli di Viaggio

Vai ai contenuti

Menu principale:

Parco nazionale del Cilento - CAMPANIA

Pubblicato da in Campania ·
Tags: consigliviaggioitineraricosavederecosavisitareagriturismoparcocilentocampania

Cilento


La zona del Cilento è costituita da paesaggi naturali, santuari e stabilimenti manufatturieri, e conserva le vestigia delle più importanti città classiche, come Paestum e Velia.

Il Santuario del Getsemani è formato da due chiese sovrapposte, quella superiore illuminata dalle vetrate della Cupola e quella inferiore raggiungibile anche col nuovo ascensore. E' possibile vedere la statua di Gesù in preghiera nellorto del Getsemani. Dal piazzale del Santuario si può vedere la statua in bronzo della Madonna della Luna e le macine di un frantoio (in ebraico Getsemani), oltre ad una foto a grandezza naturale della Santa Sindone.
La Casa di Spiritualit
à del Getsemani di Paestum dispone di 80 camere con servizi interni e circa 130 posti letto. La Cappella interna ha circa 80 posti, ci sono due sale per conferenze e alcune salette. Nel parco che circonda Casa e Santuario c’è unarea picnic, la Via Crucis e la Via Matris, con i misteri del S. Rosario, un teatro allaperto per 500 posti e un campetto per le attività ricreative dei ragazzi.
Il Convento dei Frati Minori di Capaccio fu affidato ai Frati Francescani nel 1700, per poi divenire carcere, scuola, uffici giudiziari, casa comunale. E' stato riaperto nel 1934 e si presenta con una struttura composta da una Chiesa, un chiostro con pozzo e un ampio giardino.
Le Grotte di Castelcivita si trovano nel Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano e costituiscono uno dei sistemi sotterranei pi
ù estesi della regione Campania. Gli ambienti sotterranei sono popolati da ragni e pipistrelli, che si annidano tra stalattiti e stalagmiti.

Sono state chiamate, a seconda delle leggende, Grotte del Ponte, del Diavolo, di Spartaco. Una di queste leggende narra che la grotta sia stata rifugio del gladiatore romano Spartaco durante una rivolta contro limperatore Adriano.
La grotta presenta un susseguirsi di gallerie, strettoie, saloni e pozzi. Dopo pochi metri di percorso
, vi è la caverna del Guano, quindi una maestosa sala, la Caverna Bertarelli e ancora il Deserto, con una pavimentazione sabbiosa e pianeggiante.

Le grotte
sono tutte da scoprire, con le sue colonne, i suoi viali, la Grande Cascata, i Pozzi della Morte, il Lago Sifone, la Terrazza degli Anelli, il Salto dei Titani, la Caverna Redivo.

Paestum
è uno dei migliori esempi del periodo della Magna Grecia. Nasce come Poseidonia e diventa Paestum sotto il dominio dei Romani. La grandezza di Paestum sta nei suoi Templi: il Tempio di Hera è il più antico della città, il Tempio di Nettuno è il più grande, il Tempio di Cerere è dedicato ad Athena.
Da vedere
è il Museo Archeologico Nazionale con dipinti come la celebre Tomba del Tuffatore, con quattro lastre su cui sono raffigurate scene conviviali.

Descrizione inviata da Federica di Salerno



Nessun commento


Copyright 2018. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu