Isole Eolie - SICILIA - Consigli Di Viaggio in Agriturismo - Agriturismo in Italia Turismo Sostenibile e Consigli di Viaggio

Vai ai contenuti

Menu principale:

Isole Eolie - SICILIA

Pubblicato da in Sicilia ·
Tags: consigliviaggioitineraricosavederecosavisitareagriturismoisoleeoliesicilia

Isole Eolie

Le Isole Eolie sono isole di origine vulcanica e si adagiano sulle acque del Basso Tirreno. Questo arcipelago siciliano è composto dalle isole di Stromboli, Vulcano, Lipari, Salina, Filicudi, Panarea, Alicudi, definite le "sette perle ".

Bellezza selvaggia, natura incontaminata, atmosfere autentiche rendono questo arcipelago unaffascinante meta turistica. Dichiarate dallUNESCO Patrimonio dellUmanità, le Eolie offrono al visitatore la possibilità di ascendere a vulcani fumanti, di visitare villaggi preistorici e di uscire in barca con i pescatori.

Lipari, la "cittadina"
Lipari si presenta popolosa d
inverno e molto affollata destate ed è la più grande isola dellarcipelago eoliano. Ricca di bellezze paesaggistiche e culturali, storia e divertimento, attrazioni e servizi, offre ai visitatori una vita movimentata. La cittadina di Lipari è dominata dal Castello e dalla sua cinta muraria, dove è possibile visitare la Cattedrale di San Bartolomeo e il Museo Archeologico Eoliano. La strada più movimentata è Via Vittorio Emanuele, con i suoi vicoletti caratteristici, negozietti, ristoranti e locali; la piazzetta più frequentata è quella di Marina Corta.
Le località più famose sono Canneto, Acquacalda, Quattropani e Pianoconte, oltre alle sorgenti termali, il mare e le spiagge. Una spiaggia molto suggestiva è quella di Acquacalda, dominata dalla maestosa montagna di pomice, oltre a Porticello con il suo mare cristallino, Valle Muria con le sue imponenti scogliere scure a picco sul mare e Vinci, una caletta di ciottoli lambita da acque limpidissime, raggiungibile solo in barca.

Salina, la "campestre"
I suoi colori dettati da una natura ricca e rigogliosa le hanno fatto meritare il nome di "Isola verde". Terra di capperi e vigneti, si produce la migliore qualitа di Malvasia. I due coni vulcanici, Monte Fossa delle Felci e Monte dei Porri, sono ricoperti da boschi che ne disegnano il profilo. L
isola deve il suo nome al laghetto di acqua salmastra presente nella romantica frazione di Lingua, e visita immancabile va riservata ai paesini e ai villaggi di pescatori, dove furono girate alcune scene del film Il Postino con Massimo Troisi. Il centro di Salina è Santa Marina, con la piazzetta dominata dalla chiesa e la vivacissima Via Risorgimento fiancheggiata da botteghe artigiane e locali.
Gli altri due comuni sono Leni con il suo borgo di Rinella e la spiaggia di sabbia nera a forma di mezzaluna, e Valdichiesa con il santuario della Madonna del Terzito.
C'è poi Malfa, che comprende Pollara, uno dei luoghi più suggestivi grazie al gruppo di case sparse sui resti di un antico cratere a strapiombo sul mare.

Panarea, la "mondana"
Panarea
è la più antica e la piщ piccola, oltre ad essere la più esclusiva e costosa, indiscussa meta del turismo VIP, con le feste in barca e party in terrazza. Circondata da una serie di isolotti e formazioni rocciose, Panarea è piena di attrattive naturali, come la baia di Cala degli Zimmari con roccia lavica e Cala Junco, racchiusa tra pareti rocciose. Da vedere il promontorio di Punta Milazzese, sede del villaggio preistorico, la spiaggia della Calcarea, dove si possono osservare diversi fenomeni vulcanici sotto forma di fumarole e Punta del Corvo, il punto più elevato dellisola e ottimo per una veduta panoramica.

Alicudi, la "selvaggia"
Alicudi si presenta ricoperta di erica e senza strade carrabili o territori edificabili. Non ci sono auto o motorini, ci si muove solo a piedi attraverso le mulattiere
e i panoramici sentieri costeggiati da alberi di castagno e tiglio, ulivi, fichi dindia e cappero. Gli unici mezzi di trasporto sono gli asini e i muli e il lato orientale dellisola è abitato stabilmente da poche decine di famiglie. Non c’è illuminazione pubblica e il centro dellisola è la zona del porticciolo, dove si trovano due negozi di alimentari e di beni di prima necessità, lufficio postale, un albergo bar ristorante ed una rivendita di giornali.

Filicudi, la "radical-chic"
Filicudi
è un paradiso di acque cristalline, scenari suggestivi e fantastici punti panoramici. L'isola è caratterizzata da natura selvaggia e incontaminata, caratterizzata dalla presenza di soli 250 abitanti. C'è ununica strada asfaltata che collega i piccoli borghi di Filicudi Porto, Valdichiesa e Pecorini Mare, mentre il resto dellisola è attraversato da vecchie mulattiere e sentieri immersi in una rigogliosa vegetazione. Per visitare Filicudi il mezzo di trasporto migliore è la barca, poichè c'è un susseguirsi di scogli dalle forme bizzarre: il faraglione della Canna, lo scoglio dellElefante e quello della Fortuna, lisolotto di Montenassari. Nellentroterra c'è il promontorio di Capo Graziano con i resti del villaggio preistorico, il Monte Fossa delle Felci, il paesino fantasma di Zucco Grande e la passeggiata panoramica fino al belvedere di Stimpagnato.

Stromboli, la "primordiale"
Stromboli
è considerata la "perla nera" dellarcipelago eoliano. Il suo vulcano continua a farsi sentire ad intervalli regolari, con brandelli di lava incandescente, lapilli e cenere che rotolano fino al mare. Si può salire sulla vetta e ammirare da vicino le eruzioni. Le strutture turistiche sono concentrate a Stromboli, dove si trova il porto di Scari e la chiesa di San Vincenzo. Caratteristico è il minuscolo borgo di Ginostra sul lato ovest dellisola, inserita dallUNESCO fra i beni patrimonio dellumanità. E'un piccolo villaggio di circa 20 abitanti, raggiungibile solo dal mare.

Vulcano, la "selvaggia"
Vulcano
è "l'sola di fuoco: secondo la leggenda, qui vi erano le fucine di Efesto (o Vulcano per i Romani), nelle quali i Ciclopi forgiavano le armi degli dei. Lisola sacra al dio Vulcano presenta numerosi vulcani, tra cui Gran Cratere o Fossa di Vulcano, ancora attivo, Vulcanello, quiescente dal 183 a.C., i Monti Aria, spento dallepoca preistorica, e Saraceno, inattivo. Vulcano offre ai suoi visitatori spiagge di sabbia nera, come quella di Porto di Ponente e Gelso, acque marine calde grazie alle fumarole nella Spiaggia delle fumarole, bagni di fango nella Pozza dei fanghi, la possibilità di ascendere Gran Cratere o passeggiare nella Valle dei mostri. In barca si possono scoprire luoghi come lo Scoglio delle Sirene, la Piscina di Venere e la celebre Grotta del Cavallo costituita da laghetti, gallerie, stalattiti e stalagmiti.

Le Eolie sono raggiungibili con aereo a Reggio Calabria, Catania e Palermo, con porto di imbarco a Milazzo.


Descrizione inviata da Fabio di Catania



Nessun commento


Copyright 2018. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu