Arona - PIEMONTE - Consigli Di Viaggio in Agriturismo - Agriturismo in Italia Turismo Sostenibile e Consigli di Viaggio

Vai ai contenuti

Menu principale:

Arona - PIEMONTE

Pubblicato da in Piemonte ·
Tags: consigliviaggioitineraricosavederecosavisitareagriturismoaronanovarapiemonte

Arona


Per visitare Arona, in provincia di Novara, non c'è punto di inizio migliore dell'ufficio di promozione turistica (APT), che si trova di fronte alla stazione in Largo Duca D'Aosta.




La costa lombarda del Lago Maggiore è visibile da Corso Repubblica, sede di banche, uffici, negozi, alberghi, bar e ristoranti. Si arriva, quindi, all'isola pedonale di Corso Cavour per visitare la Chiesa dedicata ai Santi Anna e Gioacchino.

Da corso Cavour si accede alla caratteristica Piazza San Graziano, antica sede dell'abbazia benedettina, per visitare il museo archeologico e mineralogico.
Salendo la scalinata
, si arriva alla Chiesa dei Santi Martiri o San Graziano, con facciata barocca e interno gotico. Tra le opere custodite al suo interno, ricordiamo la pala di Ambrogio da Fossano e i dipinti di Palma il Giovane e di artisti della scuola di Paolo Veronese.

Nella chiesa parrocchiale di Arona, invece, si possono ammirare le preziose tele di Pier Francesco Mazzucchelli e l'opera Polittico della Nativit
à di Gaudenzio Ferrari, oltre al Cristo in croce con due santi e La natività della Vergine.
Tra gli altri edifici religiosi, meritano una visita la Cappella Beolco, la Chiesa di San Giuseppe, il Monastero delle Monache della Visitazione e la chiesa della S. S. Trinit
à, la Chiesa di Santa Marta o Santa Maria di Loreto.

Da non perdere sono sicuramente il Palazzo Borromeo su via San Carlo, da cui parte la via Pertossi, che conduce alla piazza pi
ù antica della città, Piazza del Popolo, e il Palazzo di Giustizia, il palazzo dell'ex "Corpo di Guardia" e i resti del porto.

E, naturalmente, lungo le rive del lago si pu
ò passeggiare sul Lungolago Marconi, con l'edicola di Sant'Anna, il Monumento al Barcaiolo, i giardini pubblici, la statua in bronzo di Atlante, per poi arrivare, quindi, all'imbarcadero dove partono i battelli della Navigazione del Lago Maggiore per viaggi e crociere sul lago, la grande Fontana "Millenaria" e il parco giochi per i bambini intitolato a Baden Powell.

Legate al nome dei Borromei ci sono la Rocca e le Isole.

La Rocca Borromea
è uno dei più bei punti panoramici di Arona, con torrioni e resti delle fortificazioni che ne testimoniano l'antichissima storia. Tra i ruderi si vede il luogo che accoglieva la stanza di San Carlo.

Le Isole Borromee sono tre: Bella, Madre e dei Pescatori e affiorano dal "golfo Borromeo", dall'insenatura centrale del lago Maggiore, tra Pallanza e Stresa. Erano, in epoca medievale, sede di fortificazioni o di insediamenti religiosi. In et
à barocca, i Borromeo diedero loro la peculiare caratterizzazione - isola-palazzo per la prima, isola-giardino la seconda, isola rustica la terza.
L'isola Madre è la più grande delle tre isole Borromee ed è anche la più isolata, proprio nel centro del lago. Sull'isola sorge il settecentesco Palazzo Borromeo e un rigoglioso giardino botanico.


Descrizione inviata da
Luca di Arona



Nessun commento


Copyright 2018. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu